Welcome to eLabHauSE Wikiplatform

Help us design the project Manifesto and Action Plan and create the rural Bauhaus laboratories for the social economy by contributing to the collection of best practices!

Politica alimentare intercomunale della Piana del Cibo- Italia #

La “Piana del Cibo” è la prima Politica Alimentare Intercomunale (IFP) italiana. Cinque comuni della provincia di Lucca collaborano, superando i confini amministrativi e funzionali, per condividere le responsabilità legate all’alimentazione. Questa politica alimentare integrata mira a progettare e attuare misure efficaci che affrontino le questioni alimentari abbattendo gli approcci isolati e aumentando l’integrazione tra dipartimenti e settori locali.

Obiettivi e implementazione #

La Politica Alimentare Intercomunale (PAI) “Piana del Cibo” è stata costituita nel gennaio 2019 dopo un processo partecipativo durato sei mesi e guidato dal progetto CIRCULARIFOOD (giugno-dicembre 2018). Hanno partecipato oltre 300 tra cittadini, ONG, agricoltori, funzionari pubblici, imprese provenienti da cinque comuni. Il progetto mirava a raccogliere suggerimenti  per migliorare i sistemi alimentari locali e renderli più sostenibili ed equi. Il risultato principale di CIRCULARIFOOD è la strategia e il piano alimentare, che identifica cinque principali aree di azione basate sulle priorità chiave della fase partecipativa:

  1. Migliorare la conoscenza del sistema agroalimentare locale;
  2. Ridurre lo spreco alimentare e promuovere le migliori pratiche di approvvigionamento alimentare;
  3. Migliorare il benessere attraverso stili di vita sani e sostenibili;
  4. Migliorare l’accesso al cibo locale per tutti;
  5. Sostenere pratiche agricole sostenibili.

 

La governance della PAI si compone di due componenti: (i) una struttura di governance partecipativa (Agorà, Consiglio per la Politica Alimentare, Assemblea dei Sindaci, Ufficio per la Politica Alimentare) e (ii) Gestione Paritetica, una convenzione già in uso tra i piccoli comuni per la condivisione dei servizi di base (sociali, sanitari, istruzione, protezione civile, polizia locale), ma in questo caso si tratta di condividere funzioni strategiche legate al cibo. Si tratta di un assetto istituzionale unico in Italia.

Durata #

Il progetto è partito nel 2018 ed è tuttora in corso.

Campo di applicazione #

Il principale campo di applicazione della Politica Alimentare Intercomunale “Piana del Cibo” è quello delle politiche alimentari. L’obiettivo è affrontare le diverse sfide e opportunità legate al cibo a livello locale, riunendo le risorse e le competenze di cinque comuni della provincia di Lucca e di creare un approccio più integrato ed efficace alla politica alimentare, con particolare attenzione a questioni come l’accesso a un’alimentazione sana e sostenibile, la riduzione degli sprechi alimentari e il sostegno ai produttori alimentari locali. La PAI “Piana del Cibo” cerca di essere un modello per altri governi locali che cercano di migliorare i propri sistemi alimentari e creare comunità più sostenibili ed eque.

Trasferibilità #

La Politica Alimentare Intercomunale “Piana del Cibo” ha un buon potenziale di trasferibilità, in particolare per quanto riguarda il suo processo e il suo modello di governance. Tuttavia, è importante riconoscere che il successo della PAI è radicato nella sua natura locale e nello specifico contesto locale in cui opera. Mentre la struttura di governance della PAI e l’approccio alla politica alimentare integrata possono servire da modello utile per altri governi locali, qualsiasi trasferimento del modello dovrebbe essere attentamente considerato e adattato per soddisfare le circostanze e le esigenze uniche di ciascuna comunità.

Impatto e risultati #

La PAI è operativa dall’inizio del 2019 (considerando l’intero processo di co-design), ed è in pratica da gennaio 2020. Le difficoltà poste dalla pandemia di COVID-19, iniziata appena un mese dopo la ratifica dello Statuto della PAI, e le relative limitazioni alla mobilità, hanno inevitabilmente impattato la componente partecipativa e tutti gli attori e le istituzioni coinvolte. Di conseguenza, l’intero esperimento e le sue attività hanno subito un rallentamento. Ciononostante, sono state intraprese numerose iniziative, incentrate principalmente sulla sensibilizzazione e sulla promozione di stili di vita sani, alfabetizzazione alimentare, mercati degli agricoltori locali e riduzione degli sprechi alimentari, nonché sulla promozione delle varietà alimentari locali.

Risultati dell'analisi dei World Cafè #

Punti di debolezza #

Le Buone Pratiche hanno alcuni punti deboli che potrebbero influire sul loro potenziale di replica nei diversi paesi del progetto. Uno dei principali punti deboli è la mancanza di comunicazione, che potrebbe influire sulla partecipazione. Anche la capacità di mettere in pratica visioni e principi è una sfida, poiché è stato relativamente facile discutere e generare idee, ma poi tradurle in azioni è un processo di continua definizione e negoziazione. Inoltre, la partecipazione deve essere premiata affinché le persone vedano i risultati del loro coinvolgimento, altrimenti potrebbero essere disincentivate. Anche il processo per tentativi ed errori deve essere accettato, poiché le difficoltà e la complessità di questi processi devono essere comprese fin da subito per  evitare che gli attori coinvolti si arrendano al primo ostacolo. Infine, la complessità nel replicare il processo è legata al quadro legislativo di ciascun Paese.

Punti di forza #

Le Buone Pratiche della Politica Alimentare Intercomunale (PAI) hanno diversi punti di forza che ne supportano il potenziale di replica nei diversi paesi del progetto. In primo luogo, si tratta di un’iniziativa dal basso e che si basa sull’azione volontaria, che è un fattore cruciale per garantirne il successo. In secondo luogo, la PAI è istituzionalizzata a livello intercomunale, ma è necessario un sostegno politico e amministrativo durante tutto il processo. Anche la presenza di un facilitatore professionista è un punto di forza in quanto contribuisce a mantenere vive le attività e l’attenzione. Sebbene il volontariato sia importante, coordinatori e dirigenti devono essere coinvolti professionalmente per garantire che le cose vengano fatte. Infine, la PAI rappresenta un ottimo esempio dello slogan “Pensa globalmente, agisci localmente” in quanto ha una visione sistemica e un approccio olistico che tiene conto di tendenze e orizzonti più ampi che influenzano il contesto e il sistema alimentare locali.

Possibili implementazioni attraverso il New European Bauhaus e la transizione digitale #

Il New European Bauhaus e la transizione digitale possono svolgere un ruolo chiave nel superare alcune delle debolezze delle Buone Pratiche e promuoverne la trasferibilità in altri Paesi. Uno dei punti deboli è la mancanza di integrazione tra le politiche e le normative: occorre rafforzare l’integrazione tra le politiche e sottolineare la rilevanza dell’alimentazione, che ha molte connessioni con diversi settori come la salute, l’ambiente, la cultura, il turismo e non solo. Lo strumento PAI può essere visto come una potenziale arena per gestire i conflitti in modo democratico, fornendo uno spazio per la discussione e la decisione. Ad esempio, rispetto alla legislazione, il partner spagnolo ha mostrato come il bando di gara Reserver (Spagna) potrebbe essere utilizzato per aggirare il diritto della concorrenza e promuovere piccoli cambiamenti che portano ad altri più grandi.

Ruolo dell'economia sociale nella promozione e nel miglioramento delle Buone Pratiche #

L’economia sociale nei Paesi del progetto può svolgere un ruolo importante nella promozione e nel miglioramento delle Buone Pratiche collegando i principi alla base del New European Bauhaus (NEB) con la politica alimentare. Sia la NEB che la politica alimentare hanno un impatto significativo sullo spazio urbano e sulla sua regolamentazione. L’economia sociale può contribuire ad allineare questi principi e a metterli in pratica in modo significativo ed efficace.

Bibliografia #

Capitolo libro (ITA): Arcuri, S., Belletti, G., Bottiglioni, S., Brunori, G., Galli, F., Innocenti, S., Marescotti, A., Pensa, A., Rovai, M. , e Soldani, L. (2020). “Innovazioni istituzionali e approcci multi-attore nelle politiche alimentari Locali: il piano intercomunale per il cibo della Piana di Lucca.” In: Dansero, E., Marino, D., Mazzocchi, G., e Nicolarea, Y. (a cura di), Lo spazio delle politiche locali del cibo: temi, esperienze e prospettive. Torino: Celid, ISBN 978-88-6789-187-0, 2019.

Articolo accademico (ENG): Arcuri, S., Minotti, B., and Galli, F. (2022). “Integrazione delle politiche alimentari nelle piccole città: il caso della governance intercomunale a Lucca, Italia”. Rivista di studi rurali, 89, 287-297.

Link esterni #

Powered by BetterDocs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *